Christian Di Capua-In Bonn ist in jedem Haus ein Komponist geboren

Christian Di Capua è uno studente iscritto regolarmente nella classe  IV B Linguistico del Liceo Severi ma Christian non frequenta la scuola. Eppure Christian è stato promosso in IV con ottimi voti. Perché allora quest’anno non è tra i banchi del Liceo Severi?

Semplice e straordinario nello stesso tempo!! Christian per quest’anno scolastico è uno studente Intercultura. Vive e studia a Bonn, in Germania. Con il suo permesso, pubblico la sintesi rielaborata di un post che Christian ha pubblicato sul suo blog nell’attesa di ricevere un suo dettagliato articolo corredato di foto ( a buon intenditor poche parole).

Ecco che cosa scriveva Christian prima della partenza

“Dieci mesi saranno lunghi, intensi, carichi di emozioni contrastanti. Sono pronto per affrontare ogni singola sfida che questa avventura mi porrà davanti, assaporare e vivere ogni singolo momento che la Germania mi offrirà. Per vivere e condividere una delle avventure più entusiasmanti e profonde della mia vita”.chri

E di seguito ciò che scritto dopo qualche settimana in terra teutonica:

Sebbene siano passate solo (o anche giá ) tre settimane dal mio arrivo in Germania, mi risulta complicato digitare e dar forma alle parole italiane, e a ripensare ultilizzando la struttura sintattica della mia lingua. L´amore per essa non é assolutamente svanito ma dà posto all´apprendimento e all´assimilazione di una nuova lingua, piú pragmatica, logica e rigorosa.

Inizio a parlarvi di Francoforte dove si è svolto il primo campo in terra teutonica. Francoforte è una cittá meravigliosa, che riesce in sé a convogliare le moderne Kaufhäuser della Töngesgasse, le tipiche case a graticcio con i balconi colmi di fiori e piante d´ogni colore, forma e aromi, di fronte al municipio e al Justitia-Brunnen a Römerberg, insieme ai giardini, ai ponti e ai parchi che riempiono la cittá del tipico aroma mattutino dell´erba appena falciata. A Francoforte l´aria sa dei granuli di sale sui Brezel, a Francoforte le papere risalgono il Meno e attraversano la strada,

A Francoforte ho avuto modo di conoscere i ragazzi e le ragazze che avrebbero iniziato con me quest´avventura. Lo considero come un periodo di transito importante, poiche´ ci si abbitua all´assenza della famiglia, si inizia a sperimentare con la lingua e ci si imbatte per la prima volta negli usi e costumi del paese ospitante.

Poi sono arrivato a Bonn, accolto dalla mia assistente Linda e da Jörg, il mio “papà” ospitante.

Durante il tratto di strada fino a casa ho avuto modo di ammirare la cittá : case stiliformi, alte e strette, alberi rigogliosi, stucchi floreali sotto i davanzali delle finestre e sul tetto, finestre larghe che permettono di intravedere la vita pacata degli inquilini. A Bonn l´aria é pungente, a Bonn ci sono angoli verdi ma cupi dimenticati da tutti, a Bonn ci sono delle lunghe e larghe strade deserte, a Bonn ogni piccolo chiostro e´dedicato a Beethoven, a Bonn ci sono tre piazze principali una dietro l´altra, a Bonn al Kunstmuseum é presente un complesso di quattro tele denominato « Lagerblue ».Lagerblue

A Bonn in ogni casa é nato un compositore. A Bonn si respira e si gioisce.”

Potete leggere il blog di Christian a questo link

https://crautiacolazione.wordpress.com/

 

 

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...